Ginecologia e Ostetricia

La ginecologia è una branca della medicina che si occupa talvolta della fisiologia, ma soprattutto della patologia inerenti all’apparato genitale femminile. È il corrispettivo dell’andrologia, la scienza che si occupa invece della fisiologia e delle disfunzioni dell’apparato riproduttore e apparato uro-urogenitale maschile.

Agli Utenti del CEMS è offerta la possibilità di eseguire le seguenti indagini:

  • Visita Specialistica Ginecologica
  • Visita Specialistica con Ecografia
  • Ecografia Morfologica
  • Ecografia Ostetrica
  • Ecografia Transvaginale
  • Pap Test
  • Colposcopia
  • Vulvoscopia
  • Esame microscopico a fresco delle secrezioni vaginali

RIEDUCAZIONE DEL PAVIEMNTO PELVICO E GINNASTICA PERINEALE

Cos’è e come funziona la rieducazione del pavimento pelvico?

Il pavimento pelvico, o perineo, è quell’insieme di muscoli che chiude in basso il bacino, svolgendo funzioni indispensabili:

  • Sostiene vescica, utero e retto
  • Garantisce la continenza vescicale e l’evacuazione intestinale
  • Permette una vita sessuale e una nascita serena

Nelle diverse fasi del ciclo vitale della donna la salute perineale viene messa a rischio: primi rapporti sessuali, gravidanza, parto e menopausa influenzano la muscolatura e possono dare alcuni disturbi. Anche lo stile di vita (lavoro, alimentazione, attività fisica) gioca un ruolo pesante sul perineo.

L’obiettivo della rieducazione perineale è dare consapevolezza a questi muscoli per prevenire eventuali disturbi o per gestirli, al fine di migliorare la qualità di vita, creando un percorso personalizzato e nel rispetto dei tempi e delle risorse della donna.

Chi dovrebbe richiedere una visita ostetrica per il pavimento pelvico?

Donne di tutte le età che presentino:

  • Incontinenza urinaria da sforzo, urgente o mista;
  • Incontinenza fecale e/o ai gas;
  • Prolasso degli organi pelvici;
  • Dolore ai rapporti sessuali o mancanza di piacere;
  • Dolore pelvico cronico, vaginismo, vulvodinia;
  • Cistiti e infezioni vaginali ricorrenti;
  • Emorroidi;
  • Stitichezza.

Se non ci sono sintomi particolari, può essere utile fare una visita anche per:

  • Ragazze e donne che vogliono approfondire il tema della salute perineale e prevenire disagi;
  • Donne in gravidanza che vogliono capire come prendersi cura del perineo in vista del parto con massaggio e ginnastica perineale;
  • Donne che hanno partorito da poco;
  • Donne che stanno affrontando i cambiamenti della menopausa.

La visita comprende un’analisi complessiva di:

  • storia della donna: motivo della richiesta, desideri e obiettivi da raggiungere per migliorare la qualità di vita;
  • stile di vita (attività fisica, lavoro, sonno e alimentazione);
  • storia del perineo: mestruazioni, sessualità, gravidanze, parti, eventuale influenza della menopausa;
  • benessere psico-fisico;
  • salute posturale e perineale: si andranno a valutare attentamente i muscoli perineali, la loro tonicità, la resistenza e la fisiologia.

È importante che la donna porti con sé eventuali documenti e referti ginecologici qualora ritenga che siano rilevanti.

L’obiettivo è dare un riscontro alla donna rispetto alla sua salute perineale, dandole l’opportunità di imparare come gestire lo stile di vita e dare attenzione al perineo nel quotidiano, al fine di migliorare la qualità di vita.

Se c’è la necessità, si può stabilire un percorso di rieducazione perineale individuale. Il numero di visite viene deciso insieme, creando un piano riabilitativo personalizzato.

GINNASTICA PERINEALE – PERCORSO DI GRUPPO

Si tratta di un corso composto da cinque incontri da un’ora, con cadenza settimanale. Può essere frequentato da donne che abbiano avuto una prima valutazione perineale e risultino idonee a seguire la rieducazione nel gruppo.

L’obiettivo del percorso è acquisire una maggior consapevolezza del proprio corpo, in particolare della zona perineale, per la promozione della salute, la prevenzione e la gestione di disturbi legati ad un malfunzionamento del perineo.

Il corso ha un numero basso di partecipanti (tre iscritte) per dar modo all’ostetrica di poter personalizzare il percorso sulla base delle esigenze di ciascuna.

  • Impianto I.U.D.